Dall’alto di un cielo infinito…

dall%2527alto%2520di%2520un%2520cielo%2520infinito

La giornata era molto soleggiata, ottima per una bella giornata in piscina. L’afa era troppa e un bel bagno avrebbe rinfrescato un po’ le idee a chi forse di idee non ne aveva, come me. E Infatti, l’unica idea che mi venne fu quella di andare in piscina.

Triiiiiiiiiiinnnn   triiiiiiiiiiinnnn…

Il rumore del cellulare mi svegliò. L’avevo lasciato acceso perché sapevo che mi avrebbe chiamato “qualcuno”.
– Pro-oo-nto… – risposi con una voce assonnata.
– Ciro, guarda che ho preso il pullman… ma stai ancora dormendo? –
– Nooo… che ore sono? –
– Le 10 e mezza… tra quanto dovrei essere lì? –
– Beh… verso le 11 e 20 ti vengo a prendere alla stazione… ok? –
– Ok. –

Misi giù il telefono e misi giù anche la testa sul cuscino. “No! Mi devo svegliare! Devo prepararmi!”
Pantaloni, maglietta, scarpe… qualche ritocchino qua e là ai capelli. Perfetto… ora pensiamo al piano…
1. Cambiare mese al calendario di Angelina Jolie.
2. Pensare al piano!!
Allora… macchina? Niente… si prende la Vespa!

11.20
Si parte.
Correvo come un forsennato tra le stradine di campagna e le vie della città. La marmitta che aveva montato mio fratello, dovevo ammettere, che andava da Dio. Arrivai alla stazione in pochi minuti e lei era lì ad aspettarmi… bella come sempre: occhiali scuri, vestitino leggero, infradito. Mi guardò, mi diede un bacio e mi chiese la meta. Le risposi: – in piscina! – e accelerai con lei seduta dietro che si aggrappava a me.
Non che sia una di quelle piscine megagalattiche extralusso, ma nel suo piccolo la sua figura la faceva… e poi c’era anche il pagliaccio a forma di doccia!
Entrammo e c’incamminammo lungo le piscine come se fossimo stata una coppietta appena uscita da un fotoromanzo. Lei si guardava intorno cercando di orientarsi, mentre io proseguivo diritto già conoscendo il posto. Dopotutto questa era la zona dove ho sempre vissuto ed era giusto che sapessi ogni minima cosa. Scegliemmo un ombrellone e ci facemmo portare due lettini.
– Io mi faccio la doccia sotto al pagliaccio! – dissi con aria da eterno bambino.
Lei mi guardò, sorrise  e cercando di racimolare tutta la serietà che poteva, mi disse:
– Se la fai… ti lascio! –
– Ok… ciao allora… – le risposi con tono secco.
Tornai tutto bagnato e mi sedetti vicino a lei lungo il bordo della piscina con i piedi a mollo nell’acqua.
– Com’è andata? – mi chiese trattenendo a stento il risolino.
– Beh, all’inizio ha fatto un po’ il difficile… ma alla fine sono riuscito a manovrarlo bene! – dissi ironicamente.
– Ma com’è bravo il mio bambino! – disse lei spazzolandomi i capelli come si fa ai bambini quando li si vuole premiare.
Io per tutta risposta la spinsi in acqua. (Così imparava a non farsi la doccia con il pagliaccio!)
Mi buttai anche  io, con un bel tuffo a giudicare dalla giuria. Nuotai sott’acqua fin da lei che si era spinta all’altro lato. L’abbracciai da dietro e le sussurrai che era la cosa più bella del mondo. Lei mi sorrise e mi baciò. Poi mi schizzò… e mi ribaciò ancora… ma poi ancora mi schizzò… niente… non si poteva raggiungere un compromesso… e la schizzai anch’io… e lei ribatté schizzandomi a sua volta… allora la travolsi con una mega onda stile coste dei caraibi. Lei si girò strizzandosi gli occhi e tossendo come se avesse bevuto dell’acqua. Mi avvicinai per vedere se stava bene e lei all’improvviso mi spruzzò dell’acqua con la bocca. Era nata una nuova guerra. Risposi anche io… e lei ancora… e il resto lo potete immaginare.
Dopo abbracci e schizzi, finalmente uscimmo dall’acqua per prendere un po’ di sole.  Ci stendemmo sui lettini e ci mettemmo a riposare un po’, ascoltando la musica che dava il bar. D’un tratto proposi:
– Vogliamo giocare a Ping-pong? –
– Tanto ti batto… – rispose sicura di se.
– Si… tu… una donna! Battere me! Ma dai… –
– Ok allora… vediamo chi è il più forte! –
– Ok… –
Ci dirigemmo verso una fatiscente sala giochi e prendemmo le racchette e la pallina per il Ping-pong.
– Allora… facciamo un po’ di palleggi, così per riscaldarci. –
Ping… pong… ping… pong…
– Iniziamo ora… per la palla…-
Dovevo ammettere che la mia ragazza se la sapeva cavare con la racchetta. Mi son dovuto quasi impegnare per batterla… ed infatti il risultato lo sapete già. Due partite vinte per me… zero per lei.
E si ritornò sui lettini..
Io, fiero vincitore trionfante, lei , che reclamava la rivincita nelle prossime date.
– Vedi che ti ho battuto?! –
– È stata solo fortuna… perché hai vinto per poco! –
– Si vabbè… comunque io ho vinto… tu hai perso! –

La giornata andava via via sgocciolandosi come i nostri costumi ancora umidi. Erano circa le 5 di pomeriggio e il venticello fresco si faceva sentire. Così decidemmo di rivestirci e andarcene.
Passai a casa a prendere la macchina e ci facemmo un giro nell’attesa della nuova meta.
– Perché non ci prendiamo qualcosa al Martinika… è un posto carino… –
La guardai negli occhi, sembrava felice. Forse ero riuscito a donarle il sorriso almeno oggi. Le passai un braccio dietro la testa per solleticarle il collo muovendole un po’ i capelli. E dato che quella mano era occupata nelle coccole…
– Fra… mi metti la terza? –
– Non so come si fa… –
– Dai… devi andare su con quella leva! –
– Ecco… così va bene? –
– Ehm… no… quella è la quinta… –
– Ops… –
Così, piano piano, marcia dopo marcia arrivammo al Martinika.
Il posto era un bar chic con i tavolini all’esterno. Molto carino e forse fatto a posta per noi.
Ordinai due Baileys e ci sedemmo fuori.
Accendemmo la piccola candela che c’era sul tavolino. Ci baciammo fino a che il cameriere non ci portò le nostre bevande.
– A cosa brindiamo? – chiese lei.
– …a noi… a questa giornata, che pressappoco è andata bene… –

…Chin…
Vite…
Storie distorte di amori lontani che s’intrecciano in una giornata d’estate. Sole, Luna e in mezzo due cuori lucenti di gioia che battono come una campana di mezzogiorno. E magari si fingeranno stupiti delle piccole cose e così come per gioco, in questa notte, farà meno freddo.
“un posto isolato…”

È bastata anche solo una stella a farci compagnia. Una, ma la più splendente che c’era. E piano piano, la sera che diventava notte lasciava alle spalle la calda giornata. E noi eravamo lì, a cercare di non pensare, mentre vivevamo quegli attimi lasciando scorrere le parole in un misto di emozioni.
Baci e coccole non si riuscivano più a contare e la passione correva come il vento caldo di quella sera.
La macchina era ferma e le luci in lontananza erano troppo distanti per capire cosa fossero. Ed erano belle così, innocenti nel loro alone di purezza.
Ci guardavamo negli occhi come se fosse stata la prima volta. Come quando le nostre bocche si toccarono nel primo bacio… ma di baci ne erano passati parecchi… e le nostre lingue conoscevano già la strada del piacere.  E così via… si parte… spinti dal vento della passione che come un fiume in piena ci portava dove voleva. Baci, coccole, abbracci, intrecci di corpi e di anime, sorrisi, sguardi appassionati… mani che si sfioravano e si stringevano… bacini che si accostavano in un ballo molto sensuale…  e così via… Lungo la strada dell’amore… che, come una meta inarrivabile, ci spingeva ancor di più a cercarlo.

E magari si poteva fare di meglio… Qualche luce in più o una musica particolare… ma in fondo cosa importava? Bastavamo noi… Perché eravamo noi a creare la magia del luogo. Con una leggera brezza, qualche stella e la Luna, che splendente come non mai…
ci guardava dall’alto di un cielo infinito…

15 thoughts on “Dall’alto di un cielo infinito…

  1. la doccia col pagliaccio dannazione è col pagliaccio come si fa a non volersela fara….ping pong anche io gioco a ping pong e ti assicuro che le femmine sono più forti dei maschi….almeno nella mia classe…e quelle che sanno spiegarti l\’amore o provano almeno a strappartelo fuori e quelle che mancano sanno mancare e fare più male…..a dopo

  2. Complimenti davvero! Sai scrivere benissimo, proprio come la tua ragazza! Sono entrata x caso nel tuo blog mentre stavo visitando quello della tua ragazza. Scrivete entrambi molto bene. Ah! Buona fortuna!=) Mi sembra che la vostra storia stia procedendo a meraviglia! Un abbraccio, Sara.
    Ps: se vuoi, passa dal mio blog! =)

  3. …quanta vita…
    …ricordo come se fosse ieri quel primo bacio …timido e incerto…ma desiderato…
    …ricordo la prima volta che ti mostrai cassiopea…un po\’ gelosa che anke tu la guardassi…ma felice di mostrarti il mio mondo…
    ..la prima cena fuori…e i mille battiti cardiaci..
    ..il primo film al cinema insieme…stretta a te come una bambina spaventata…e forse tanto spavento era solo una finzione per stringerti un po\’ di piu\’…
    …la prima fuga di casa per dormire da te…coccolata dalle tue braccia per tutta la notte…
    ….
    …e ora siamo qui..noi…(ricordo la prima volta che hai detto "Noi"…e io che ti abbracciai un po\’ piu\’ forte..)
    noi…questo e\’ quello che conta…noi uniti dalla voglia di amare….uniti dalla complicita\’ dei nostri occhi…
    …uniti dalla paura di perdersi …
    …vite che ormai si mescolano giorno dopo giorno…e ancora le tue labbra..e ancora le tue mani….
    …vite che affrontano il domani vivendo anche solo per un altro giorno…
     
     
    .. piccolo uomo che gioca a fare il bimbo….
    …occhi fantastici….labbra disegnate da baciare…
    …ricordi la luna come ci guardava?…ero quasi gelosa che lei potesse illuminarti…
    ..illuminare te? non ne hai bisogno…gli uomini non brillano se nn sono stelle anche loro…e tu brilli…
    splendi..come quel tuo cuore che batteva a ritmo con il mio…
    …continua a sorridere…continua a spendere…
    ed io continuero\’ a vivere..
     
     
     
     
    …a chi sa riscaldare il cuore in una fredda notte…
                                                                                                                                             
     
                                                                        
     
                                                                                                                                                                   Ti Amo….

  4. niente è più bello di avere la possibilità di vivere l\’amore… spero tu sia consapevole della tua fortuna… ma credo proprio di si da quello che scrivi… complimenti per il tuo modo di descriverlo… ciao 

  5. Quant\’è bello questo amore, quanto è bello ridere e scherzare insieme… due complici…
    bello il primo bacio, belli e fantastici tutti gli altri… non si perde mai la voglia di riprovare quelle stupende emozioni che riescono a venire fuori solo con la magia dell\’AMORE.. che come si sa, è unico e meraviglioso… =)
    e bravo Ciro, e brava la tua Lei… tanta felicità a tutti e due… =)
     
    PS: lei ha perso a ping pong pkk voleva farti vincere… si sa k le donne sono migliori degli uomini  IN TUTTO XD
     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: