La Foto.. (Ricordi di Rimini 2008)

Ricordi%2520di%2520Rimini%252C%2520La%2520foto

Musica.. Musica alta.. musica bella.. musica infernale. Stavo ballando.. ma stavo ballando per inerzia. La stanchezza si faceva sentire sulle mie gambe. Così decisi di andare a prendere un’altra bella dose del mio più caro anestetico.

La discoteca era affollata. A stento capivo i volti e la fisionomia delle persone. Una mora dal vestito nero, una bionda con jeans bianchi, un ragazzo con la maglietta a righe. Cercavo di non pensare. Cercavo di non guardarli sperando che mi facessero passare. Il bancone era ancora lontano. Per un attimo mi ricordai di essere venuto qui con i miei amici. Enzo e Mario. Eravamo rimasti in tre dopo che Gianni aveva dato forfait per un illusa storia d’amore. Purtroppo la pazzia di questa strana malattia rossa aveva contagiato anche lui. E come un fulmine si era precipitato dalla sua lei in cerca di attenzioni. Pensavo di esser l’unico a fare questo genere azioni. Pensavo di essere l’unico colpito da questa malattia. Pensavo..

 

Arrivai al bancone. Mi appoggiai con i gomiti e cercai di intravedere il barman. La mia vista assomigliava a quella di un barbone che guarda il mondo dal fondo di una bottiglia.

-Che vuoi?- mi urlò.

-Un bicchiere di Rum liscio.-

 

Il ragazzo con la maglietta nera con su scritto il nome della discoteca, iniziò a versare il nettare nel mio bicchiere. Mi diede uno sguardo e capì dalla mia mano ondeggiante che doveva riempirlo fino all’orlo. Sorrise e mi diede il bicchiere, contento di aver fatto felice qualcuno.

Mi allontanai da li. Cercavo un posto dove sedermi. Vidi dei divanetti poco distanti. Mi sedetti e cercai di riordinare i cassetti della mia mente, disordinati dalla bella mora che avevo in mano.

Proprio davanti a me s’erano piazzati due che stavano limonando alla grande. Lei sembrava molto impaziente di ricevere ciò che il ragazzo non riusciva a contenere nei pantaloni. Un bello spettacolino direi.. ma questo genere di tentazione ora non faceva per me. Quindi diedi un bacio al mio bicchiere e mi alzai.

 

Mi accorsi di non aver ancora finito di vedere la discoteca. C’era un’altra parte che mi era ignota oltre alla posizione dei miei amici. Mi diressi verso una porta. Intravidi l’esterno. Una grande piscina si estendeva davanti a me. Era proprio una bella visione. Rilassante.. Qui la musica arrivava a stento. Non si sentiva forte come dentro la discoteca. Mi appoggiai alla ringhiera. Diedi una sorsata al mio rum. Guardavo la piscina. Ma c’era qualcosa che non andava. La mia mente mi voleva dire qualcosa che non sapevo.. e il cuore batteva con quei battiti che volevano dire solo una cosa.. che un ricordo era sulla pista di atterraggio.

E mi coglieva impreparato. Dopotutto era la prima volta che venivo in quel luogo. Era la prima volta che osservavo questa bellissima piscina.

Era la prima vol..

Il  filo dei miei pensieri si fermò come un disco in vinile bloccato da una mano. Un flash mi attraversò la mente. Una foto. Una foto di questa piscina. Capii che non ero io ad esserci stato ma qualcun’altro.. o meglio.. qualcun’altra. Avevo solo visto questa foto. Con sullo sfondo questa stessa piscina. E mettendo bene a fuoco nella mia mente con le lenti della memoria, capii anche il perché di quel ricordo. La mente umana è strana. Non riesce a ricordare un nome appena detto.. eppure una foto di un bel pezzo di anni fa mi è ben chiara. E quel ricordo è stato così tanto potente da superare anche il mio stato di ebrezza. Do l’ultima sorsata al bicchiere.. con gli occhi delusi di chi mentre cena scopre di aver finito il pane. Così il ricordo venne a galla sul fiume dell’alcol e come una barchetta di carta scorreva e arrivava ai miei occhi.

E se qualcuno avesse potuto ingrandire la mia lacrima.. avrebbe visto il suo viso. Come lo vidi io anni fa. Sereno e felice di una nottata un po’ brava. Erano bei tempi quelli.. sia per me che per lei. Allora ancora non conoscevo tutti i lati della vita.. e lei, come impareggiabile maestra, mi accompagnò per un pezzo di strada. Una strada un po’ tortuosa.. ma bella uguale. Se non di più..

E la verità era che ..non l’avevo neanche scelta.. Capitò quasi per caso. E quasi per gioco ci ritrovammo a fantasticare guardando il soffitto di una comune stanza d’albergo.

Pensando che il futuro era troppo lontano per diventare presente..

Little red ball (II) (Marina di Camerota ’09)

Little%2520red%2520ball%25202%2520bianco

 

Appena il sole tramontava, le luci del villaggio si accendevano man mano. Era uno spettacolo vedere tutti i vialettini illuminati. Si creava un’atmosfera confortevole.. a tratti romantica. Tutto curato e perfetto. Il verde.. gli alberi.. gli ulivi.. le siepi.. gli oleandri.. le aiuole.. l’erbetta.. Così perfetto da sembrare casuale.. e così casuale da rendere il tutto affascinante..
Mi avvicinavo al ristorante con mio fratello. Parlavamo del più e del meno. Scuola, ragazze e videogiochi si alternavano nelle nostre parole a ritmi cadenzati. Più gli parlavo e più vedevo in lui una mia fotocopia spiccicata. Più gli parlavo e più capivo quanto fosse brutto vederlo crescere a “tratti”. Purtroppo la mia vita fuori casa questo mi permetteva… e le vacanze erano l’unico periodo in cui potevo stare un po’ di più con la mia famiglia. Per questo ne approfittavo per sapere come se la passava il mio fratellino.
Arrivammo al tavolo. Mio fratello piombò subito al bancone del buffet senza nemmeno aspettare che gli altri componenti della famiglia arrivassero. “Egoista ed egocentrico” pensai.. “proprio come il fratello.. e guai a chi gli tocca le sue patatine!”.
Mentre osservavo mio fratello che si riempiva il piatto di contorni, si avvicinò al tavolo la cameriera. Curata e impeccabile come tutte le sere.
– Buonasera… –
– Buonasera –
– Grazie per… –
– Shhhhhh!!… – la interruppi e mi voltai indietro per vedere quanto erano distanti i miei genitori. E dopo essermi assicurato che mio padre non fosse a portata di orecchio, le dissi: – Tranquilla… solo… teniamo questa cosa tra di noi… – e le sorrisi… forse aveva inteso o forse no. Ma speravo che non avrebbe creato casini.
– Allora porto l’acqua? –
-Sisi… e anche un quarto di vino bianco per mio padre. –
– Ok –
– Grazie Elena. –
E proprio quando la cameriera se ne andò, arrivarono al tavolo i miei genitori e l’altro mio fratello. Subito mio padre, che forse aveva osservato tutta la scena da lontano, mi chiese: – Che voleva la cameriera? –
– Solite cose papà… mi chiedeva le bevande che doveva portare… –
– Hai ordinato il vino? –
– Certo papà! –
Mi girai per vedere quante persone erano al buffet e qualcosa mi tirava nella tasca. Era la mia pallina rossa che avevo dimenticato di posare in camera. Ed era qui con me che mi faceva compagnia. “Quante ne ha passate in questi giorni… e dire che non ricordo nemmeno il nome di quel ragazzino!”

Quel pomeriggio
Mi tuffai a capofitto in quel tubo blu. Andavo lento. L’acqua cercava di spingermi. Piano piano stavo acquistando velocità. “Chissà dove sarà quel marmocchio” pensai mentre venivo sballottato nelle curve di quella specie di giostra. Era divertente… dovevo ammetterlo. Sorridevo cercando di andare sempre più veloce allungando le braccia in avanti. Dovevo raggiungerlo. E proprio nell’ultima curva intravidi la figura del ragazzino. Si voltò e mi vide.
 
Splashhhhhhhhhh
 
Finimmo entrambi in acqua. Aprii gli occhi e vidi davanti a me la mia pallina rossa galleggiare a pelo d’acqua. Cercai di afferrarla al volo ma una piccola mano fu più lesta della mia. Prese la palla e scomparse prima ancora che capissi da che parte venisse. Mi pulii gli occhi e guardai in direzione della scaletta… e in quell’instante quel ragazzo stava salendo le scale per uscire. Mi avvicinai a nuoto il più velocemente possibile. Cercai di afferragli un piede mentre era sul bordo.
– Vieni qua! Dove scappi! –
Scappò via mentre ero intento a risalire. Tutto gocciolante gli corsi dietro. Vi lascio solo immaginare cosa significava correre con i piedi bagnati. Era impossibile e soprattutto pericoloso, maggiormente se ti tagliava la strada un bambino! Quasi scivolavo cercando di evitarlo. Oltretutto la mia corsa dava fastidio a non poche persone perché schizzavo acqua come un cane dopo un bagno… e le persone sulle sdraio in prima fila avevano una faccia molto scazzata.
L’inseguimento proseguiva. L’area della piscina era quasi finita e il ragazzo puntò al vialetto che portava fuori. Sulla mia strada però s’intromise Jack. Mi si piazzò davanti e non accennò a togliersi.
– Dai Jack fammi passare! Devo inseguire quel bastardello! –
– No no! – Jack era uno degli animatori del villaggio. Il suo compito era far divertire i ragazzi… e soprattutto organizzare i tornei sportivi. Immaginavo che mi avesse fermato proprio per quello.
– Ok, Ok… non scappo… cosa vuoi? –
– Oggi alle 6 torneo di Pallavolo… ti segno! –
-No daii… non c’ho voglia… fammi passare! –
– Tu non passi se non vieni al torneo! –
– D’accordo! D’accordo! Lasciami ora! –
E mi lasciò andare. Purtroppo dovetti sottostare alla sua specie di ricatto. Ma non ci pensavo. Cercavo di riprendere la mia pallina. E dove s’era ficcato quel ragazzo? Dove dovevo andare a ripescarlo? Quel dannato animatore me l’aveva fatto perdere di vista… e con lui anche la mia pallina. Mi guardavo intorno. Cercavo d’ipotizzare i possibili posti.
“il campetto” pensai. “sicuramente è lì”. E infatti lo trovai lì. Non mi aveva ancora visto. Era vicino alla rete che recintava il campetto e guardava i ragazzi che giocavano. Gli andai piano piano dietro, senza far rumore.
– Preso! –
Si girò e mi guardo un po’ intimorito.
– Forza! Dammi la mia pallina! – Il ragazzino mi porse lentamente la mano e appoggiò la pallina nella mia. La presi e lo guardai male.
– Non lo fare mai più! – Il ragazzino sorrise non credendo alla mia serietà e si girò continuando a guardare la partita di calcetto. Tornai alla piscina… sperando che sulla mia sdraio non avessero toccato niente.
Mi sdraiai…
Feci un gran bel respiro profondo…
e sorrisi…
 
  ..ripensando a tutto quello che era inaspettatamente accaduto poco prima.

 
 
 

 

Little red ball (I) (Marina di Camerota ’09)

Little%2520red%2520ball%25201%2520%2520bianco

Ora…

 

 

– Ehi piccoletto… ho saputo che domani parti..-

– Già… –

– Allora ci salutiamo… –

– Si… –

Mi guardò per qualche secondo. Il desiderio di restare ancora, gli si dipingeva in volto con un velo di tristezza. Purtroppo non poteva, la sua vacanza era giunta al termine. Il bambino corse via disperdendosi tra le persone.

Il piccolo anfiteatro era gremito di gente. Alcuni ballavano i balli di gruppo vicino al palco, altri chiacchieravano sulle panchine. Molti si salutavano, di lì a poco avrebbero lasciato tutto questo. Ed io ero lì ad osservarli, seduto comodamente su una delle panchine. Come se in scena si svolgesse l’ultimo atto di quella vacanza. L’ultimo per gli altri, il giro di boa per me. Un’altra settimana mi attendeva…

E chissà come sarebbe andata…

 


Qualche giorno prima…

 

Camminavo lungo un sentiero asfaltato in direzione della piscina. Sentivo uno strano odore di pittura confondersi a quello degli oleandri e degli ulivi. L’inserviente del villaggio stava dipingendo il cartello che indicava la direzione per il bar e il ristorante. Gli passai di fianco per andare in piscina. Mi sorrise come per strappare un attimo di pausa al duro lavoro. Gli sorrisi anche io, mi dispiaceva sapere che lui era lì a lavorare ed io qui a rilassarmi.

Da lontano si sentivano le urla dei bambini che scendevano sull’acquascivolo e si scaraventavano nella piscina. Sembrava divertente guardarli. Non ricordavo nemmeno l’ultima volta che andai su un acquascivolo. Era stato un bel po’ di tempo fa… un bel po’ di anni fa. A quei tempi sì che correvo sulle scale per salire su quegli aggeggi… e dovevano tirami con forza per farmi tornare a casa. Proprio come ora facevano questi bambini davanti a me.

Scelsi una sdraio. C’era molta gente. Mi stesi… mi misi al sole. Avevo bisogno di rinvigorire la mia abbronzatura.

Guardavo le persone… chi si tuffava.. chi schizzava.

Arrivò mio fratello che poggiò l’asciugamano a fianco al mio. M’invitò a fare un bagno ma non ne avevo voglia. Si allontanò.

Il mio fratellino. E’ più piccolo di me di età… ma fisicamente quasi mi batteva. Era cresciuto in altezza e aveva messo su un bella massa muscolare. A volte le persone ci scambiavano per gemelli… ma pronunciando le nostre età restavano allibiti. Il dubbio era: ero io che sembravo più piccolo o lui che sembrava più grande? Di certo un po’ d’invidia ce l’avevo… avessi ancora 17 anni. Non so cosa farei… ma di certo sentirei meno il peso degli anni, come in quel momento…

In passato non avrei mai detto di no a un tuffo. Sarei stato io a chiederlo a lui. E se avesse risposto di no, lo avrei gettato in acqua con tutto lo sdraio. E poi mi sarei gettato anche io… e tra gare di nuoto e lotta in acqua… tra corse e tuffi, le lancette degli orologi ci correvano dietro… e una vita ci bastava e come… ma la mattinata no di certo.

Comunque vada, gli anni passano… sta solo a noi cercare di goderceli.

La pallina rossa sbucò dalla mia borsa, come un essere vivente che vorrebbe vedere la luce ogni tanto. Presi gli occhiali da sole, le cuffie e non seppi dire di no anche a lei.

Mi sdraiai di più… Mi godevo il sole che batteva sulla mia pelle. Osservavo la mia abbronzatura. Intanto giocavo con la pallina facendola passare tra le dita… e la musica correva…

Do you know what’s worth fighting for,

When it’s not worth dying for?

Does it take your breath away

And you feel yourself suffocating?

Does the pain weigh out the pride?

And you look for a place to hide?

Did someone break your heart inside?

You’re in ruins

 

One, 21 guns

Lay down your arms

Give up the fight

One, 21 guns

Throw up your arms into the sky,

You and I

 

I Green Day suonavano la loro musica. Quella canzone la amavo. Sembrava seguire attentamente i battiti del mio cuore. La pallina, intanto, continuava a girare tra le mie dita. Bella amica di sempre… la mia rossa sfera gommosa. Sembrava non staccarsi mai… anche se a volte vacillava, riuscivo comunque a recuperarla. Non la guardavo neanche più… solo sentirla tra le mani mi faceva stare bene.

Un signore con gli occhiali da sole stava facendo un video alla propria figlia. Lei era in acqua che schizzava alcuni compagni. Si stavano divertendo. Dall’altro lato della piscina, l’animatore faceva strane smorfie a dei bambini. All’improvviso, una ragazza in bikini mi passò davanti. Aveva un fisico longilineo interrotto a tratti da un costume azzurro. Continuavo a guardarla voltando la faccia da una lato e questa invitante distrazione mi fece perdere la concentrazione sulla pallina che cadde rotolando verso il bordo della piscina. Mi alzai lentamente come se non fosse successo niente. Velocemente un bambino uscì dall’acqua. Sicuramente aveva osservato tutta la scena e soprattutto la mia pallina rossa. Me ne preoccupai poco, ma quando lo vidi afferrare la pallina e scappare via, sgranai gli occhi:

– EHI! TORNA QUI!! Quella è mia!! –

Il bambino si girò indietro mi guardò e sorrise. Voleva che io stessi al suo gioco. Forse nemmeno immaginava quanto tenevo a quella cosa. Forse pensava che era una semplice e stupida pallina rossa. Un oggetto per giocare. No! Quella era la mia pallina rossa! Dovevo riaverla.

Cominciai a correre dietro al bambino, evitando persone, saltando tra le sdraio cercando di non scivolare. Insomma, un vero e proprio inseguimento rocambolesco tra un ventenne e un tredicenne. Cercavo di non immaginare l’ilarità che provocavo nella gente che mi guardava, mentre tentavo come un disperato di acciuffare quel ragazzo.

– Ehi! Ridammela! –

– No! Questa viene via con me! –

Dannazione! Quel bambino era fermamente ostinato a non cedere. Per certi versi mi ricordava qualcuno, ma non c’era tempo per pensare. Il piccoletto voltò in un vicolo dietro la piscina. Lo seguii…

– Sono qui! Non mi prendi! – e corse su per delle scale di ferro.

Ed io gli andai dietro.

Gradino dopo gradino fui in cima. In pratica era la torretta da dove partivano gli acquascivoli che finivano in piscina. Era abbastanza alta da vedere quasi tutto il villaggio. Era abbastanza alta da poter buttar giù una pallina e non ritrovarla mai più.  Un brivido mi scosse, al solo pensiero.

Cercai il bambino tra le persone che aspettavano di scendere. Eccolo.. era in piedi vicino all’acquascivolo blu e mi faceva le smorfie.

– Se ti prendo… –

Cercai di andargli vicino ma una mano mi bloccò. Era il bagnino che mi fece segno di aspettare il mio turno. Il bambino l’aveva ancora vinta. E mentre aspettavo, fremendo per l’impazienza. Il piccoletto non si tuffava ancora. Sembrava volermi aspettare e quando il bagnino mi diede l’ok, lui subito si gettò dentro l’acquascivolo blu. Gli piombai dietro ma non feci in tempo ad acciuffarlo che scese giù. Ed ora toccava a me. Scendere o non scendere… buttarmi o non buttarmi… la mia pallina rossa era con lui. Le persone dietro aspettavano.. il bagnino mi face un fischio col fischietto. Mi buttai…

Ciro… sull’acquascivolo.. questa era proprio da non perdere…

 

 

Dall’alto di un cielo infinito…

dall%2527alto%2520di%2520un%2520cielo%2520infinito

La giornata era molto soleggiata, ottima per una bella giornata in piscina. L’afa era troppa e un bel bagno avrebbe rinfrescato un po’ le idee a chi forse di idee non ne aveva, come me. E Infatti, l’unica idea che mi venne fu quella di andare in piscina.

Triiiiiiiiiiinnnn   triiiiiiiiiiinnnn…

Il rumore del cellulare mi svegliò. L’avevo lasciato acceso perché sapevo che mi avrebbe chiamato “qualcuno”.
– Pro-oo-nto… – risposi con una voce assonnata.
– Ciro, guarda che ho preso il pullman… ma stai ancora dormendo? –
– Nooo… che ore sono? –
– Le 10 e mezza… tra quanto dovrei essere lì? –
– Beh… verso le 11 e 20 ti vengo a prendere alla stazione… ok? –
– Ok. –

Misi giù il telefono e misi giù anche la testa sul cuscino. “No! Mi devo svegliare! Devo prepararmi!”
Pantaloni, maglietta, scarpe… qualche ritocchino qua e là ai capelli. Perfetto… ora pensiamo al piano…
1. Cambiare mese al calendario di Angelina Jolie.
2. Pensare al piano!!
Allora… macchina? Niente… si prende la Vespa!

11.20
Si parte.
Correvo come un forsennato tra le stradine di campagna e le vie della città. La marmitta che aveva montato mio fratello, dovevo ammettere, che andava da Dio. Arrivai alla stazione in pochi minuti e lei era lì ad aspettarmi… bella come sempre: occhiali scuri, vestitino leggero, infradito. Mi guardò, mi diede un bacio e mi chiese la meta. Le risposi: – in piscina! – e accelerai con lei seduta dietro che si aggrappava a me.
Non che sia una di quelle piscine megagalattiche extralusso, ma nel suo piccolo la sua figura la faceva… e poi c’era anche il pagliaccio a forma di doccia!
Entrammo e c’incamminammo lungo le piscine come se fossimo stata una coppietta appena uscita da un fotoromanzo. Lei si guardava intorno cercando di orientarsi, mentre io proseguivo diritto già conoscendo il posto. Dopotutto questa era la zona dove ho sempre vissuto ed era giusto che sapessi ogni minima cosa. Scegliemmo un ombrellone e ci facemmo portare due lettini.
– Io mi faccio la doccia sotto al pagliaccio! – dissi con aria da eterno bambino.
Lei mi guardò, sorrise  e cercando di racimolare tutta la serietà che poteva, mi disse:
– Se la fai… ti lascio! –
– Ok… ciao allora… – le risposi con tono secco.
Tornai tutto bagnato e mi sedetti vicino a lei lungo il bordo della piscina con i piedi a mollo nell’acqua.
– Com’è andata? – mi chiese trattenendo a stento il risolino.
– Beh, all’inizio ha fatto un po’ il difficile… ma alla fine sono riuscito a manovrarlo bene! – dissi ironicamente.
– Ma com’è bravo il mio bambino! – disse lei spazzolandomi i capelli come si fa ai bambini quando li si vuole premiare.
Io per tutta risposta la spinsi in acqua. (Così imparava a non farsi la doccia con il pagliaccio!)
Mi buttai anche  io, con un bel tuffo a giudicare dalla giuria. Nuotai sott’acqua fin da lei che si era spinta all’altro lato. L’abbracciai da dietro e le sussurrai che era la cosa più bella del mondo. Lei mi sorrise e mi baciò. Poi mi schizzò… e mi ribaciò ancora… ma poi ancora mi schizzò… niente… non si poteva raggiungere un compromesso… e la schizzai anch’io… e lei ribatté schizzandomi a sua volta… allora la travolsi con una mega onda stile coste dei caraibi. Lei si girò strizzandosi gli occhi e tossendo come se avesse bevuto dell’acqua. Mi avvicinai per vedere se stava bene e lei all’improvviso mi spruzzò dell’acqua con la bocca. Era nata una nuova guerra. Risposi anche io… e lei ancora… e il resto lo potete immaginare.
Dopo abbracci e schizzi, finalmente uscimmo dall’acqua per prendere un po’ di sole.  Ci stendemmo sui lettini e ci mettemmo a riposare un po’, ascoltando la musica che dava il bar. D’un tratto proposi:
– Vogliamo giocare a Ping-pong? –
– Tanto ti batto… – rispose sicura di se.
– Si… tu… una donna! Battere me! Ma dai… –
– Ok allora… vediamo chi è il più forte! –
– Ok… –
Ci dirigemmo verso una fatiscente sala giochi e prendemmo le racchette e la pallina per il Ping-pong.
– Allora… facciamo un po’ di palleggi, così per riscaldarci. –
Ping… pong… ping… pong…
– Iniziamo ora… per la palla…-
Dovevo ammettere che la mia ragazza se la sapeva cavare con la racchetta. Mi son dovuto quasi impegnare per batterla… ed infatti il risultato lo sapete già. Due partite vinte per me… zero per lei.
E si ritornò sui lettini..
Io, fiero vincitore trionfante, lei , che reclamava la rivincita nelle prossime date.
– Vedi che ti ho battuto?! –
– È stata solo fortuna… perché hai vinto per poco! –
– Si vabbè… comunque io ho vinto… tu hai perso! –

La giornata andava via via sgocciolandosi come i nostri costumi ancora umidi. Erano circa le 5 di pomeriggio e il venticello fresco si faceva sentire. Così decidemmo di rivestirci e andarcene.
Passai a casa a prendere la macchina e ci facemmo un giro nell’attesa della nuova meta.
– Perché non ci prendiamo qualcosa al Martinika… è un posto carino… –
La guardai negli occhi, sembrava felice. Forse ero riuscito a donarle il sorriso almeno oggi. Le passai un braccio dietro la testa per solleticarle il collo muovendole un po’ i capelli. E dato che quella mano era occupata nelle coccole…
– Fra… mi metti la terza? –
– Non so come si fa… –
– Dai… devi andare su con quella leva! –
– Ecco… così va bene? –
– Ehm… no… quella è la quinta… –
– Ops… –
Così, piano piano, marcia dopo marcia arrivammo al Martinika.
Il posto era un bar chic con i tavolini all’esterno. Molto carino e forse fatto a posta per noi.
Ordinai due Baileys e ci sedemmo fuori.
Accendemmo la piccola candela che c’era sul tavolino. Ci baciammo fino a che il cameriere non ci portò le nostre bevande.
– A cosa brindiamo? – chiese lei.
– …a noi… a questa giornata, che pressappoco è andata bene… –

…Chin…
Vite…
Storie distorte di amori lontani che s’intrecciano in una giornata d’estate. Sole, Luna e in mezzo due cuori lucenti di gioia che battono come una campana di mezzogiorno. E magari si fingeranno stupiti delle piccole cose e così come per gioco, in questa notte, farà meno freddo.
“un posto isolato…”

È bastata anche solo una stella a farci compagnia. Una, ma la più splendente che c’era. E piano piano, la sera che diventava notte lasciava alle spalle la calda giornata. E noi eravamo lì, a cercare di non pensare, mentre vivevamo quegli attimi lasciando scorrere le parole in un misto di emozioni.
Baci e coccole non si riuscivano più a contare e la passione correva come il vento caldo di quella sera.
La macchina era ferma e le luci in lontananza erano troppo distanti per capire cosa fossero. Ed erano belle così, innocenti nel loro alone di purezza.
Ci guardavamo negli occhi come se fosse stata la prima volta. Come quando le nostre bocche si toccarono nel primo bacio… ma di baci ne erano passati parecchi… e le nostre lingue conoscevano già la strada del piacere.  E così via… si parte… spinti dal vento della passione che come un fiume in piena ci portava dove voleva. Baci, coccole, abbracci, intrecci di corpi e di anime, sorrisi, sguardi appassionati… mani che si sfioravano e si stringevano… bacini che si accostavano in un ballo molto sensuale…  e così via… Lungo la strada dell’amore… che, come una meta inarrivabile, ci spingeva ancor di più a cercarlo.

E magari si poteva fare di meglio… Qualche luce in più o una musica particolare… ma in fondo cosa importava? Bastavamo noi… Perché eravamo noi a creare la magia del luogo. Con una leggera brezza, qualche stella e la Luna, che splendente come non mai…
ci guardava dall’alto di un cielo infinito…

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: