L’articolo 140 (parte VI)

L%2527articolo%2520140%2520dice%2520che

“Lo studente si girò disorientato. La cercava, ma aveva perso le sue tracce. Dov’era quella ragazza senza nome? Dov’era andata a finire? Non si perse d’animo e iniziò a correre, lungo il buio, verso l’infinito. Il paesaggio non esisteva. Tutto era nero intorno a lui… eccetto per quel corridoio di mattonelle sotto i suoi piedi. Niente mura ne ostacoli. Solo buio e pavimento. Cosa c’era alla fine del corridoio? Dove sarebbe arrivato? E soprattutto… era la strada giusta? Fece un passo in avanti ma una mano gli afferrò la spalla. Lo studente si girò di scatto e la vide. La mente si schiarì e tutto il buio si dipinse di toni accesi come a festeggiare la sua felicità. La guardò negli occhi. Quegli occhi limpidi e belli, così neri da riflettere i suoi. Non ci vollero parole per capire che entrambe le labbra desideravano un bacio.
E si avvicinarono con la lentezza di un respiro profondo… si sfiorarono… e…”

Biiiiiiip Biiiiiiiip Biiiiiip

– Ma chi cazzo è? – Con una mano tastai alla vaga ricerca del cellulare sul mio comodino. Caddero penne quaderni, fogli, libri… di tutto, ma quel dannato cellulare non c’era.

Biiiiiiip Biiiiiiiip

Ascoltai meglio e capii che il suono proveniva dalla tasca dei miei jeans. Infilai una mano in tasca e premetti il tasto di standby. I miei occhi erano ancora pieni di sonno. Crollai di nuovo sul cuscino cercando di riprendere quel magnifico sogno. Ma stavolta niente… era tutto perduto. Mi limitai ad oziare un po’ rigirandomi nel letto e rendendomi conto che avevo dormito completamente vestito. Afferrai un cuscino e lo schiacciai sulla testa perché Milano m’infastidiva con i suoi rumori da orari di punta.
– Voglio… svegliarmi quando voglio… da tutti i miei sogni… voglio trovarti sempre qui… ogni volta che io ne ho bisogno… – iniziai a cantare sotto il cuscino, ancora intontito dal sonno.
“Succeda quel che succeda… ma stamattina non mi va proprio di svegliarmi…”
Tolsi il cuscino dalla faccia e presi una gran bella boccata d’aria.
“Ma perché è scattato un alert se ieri non li ho impostati? Mha…” Dubbioso guardavo il soffitto e pensavo… Pensavo che la doccia era un ricordo preistorico ormai.
“E se non era un alert?” Sgranai gli occhi e tirai fuori all’istante il mio cellulare dalla tasca. Dalla fretta sbagliai più volte il codice di sblocco.
– Cazzo! Oggi è il 15! Devo dare l’esame!! E sono maledettamente in ritardo! –
Scesi dal letto e mi guardai intorno decidendo quale azione compiere per prima. Andai al pc ad osservare la borsa. Era un esame si… ma i soldi vengono sempre prima di tutto.
Male… molto male. Mi morsi un labbro mentre guardavo quelle quotazioni sprofondare sempre più in basso. – Perché? Ditemi perché!? – dissi nervosamente ad uno schermo muto. C’è sempre un perché nelle cose! Soprattutto in finanza! L’unica regola… è conoscerlo prima degli altri. Chiusi tutto e andai verso l’armadio. “Cosa mi metto? La solita mise da bravo ragazzo intellettuale e un po’ sfigato? Ai professori piace tanto… Naaa… che cavolo me ne fotte! Jeans strappati, maglietta nera, polsino, anelli, borchie e un crestone da paura!” Sembrava che dovessi andare a un concerto. Cercai il libretto universitario nella libreria evitando di calpestare i libri per terra e i frammenti di vetro del bicchiere. Misi tutto in una borsa e portai anche una Burn… “Non si sa mai…”

Scesi in strada e arrivai in piazza passando a malincuore davanti al Bar Bahia senza fermarmi. Alla mia destra c’era la metro… a sinistra la stazione dei treni. Guardai l’orologio sul cellulare.
“Non ce la farò mai! Sono troppo in ritardo! Ci vuole qualcosa di più veloce!”
Poco distante c’era una piazzola di taxi. – Bingo! – dissi avvicinandomi velocemente alla prima macchina in fila.
– Libero? –
– Certo… –
Salii in macchina e il tassista mise in moto chiedendomi la destinazione.
– Via…. –
Gli dissi il nome della via e lui per conferma mi chiese: – Dove c’è l’università? –
– Si certo! Sto andando proprio lì! –
– E scusami la domanda… ma ci vai in taxi all’università? – mi chiese.
– Guardi… è una lunga storia… e sono maledettamente in ritardo per un esame! –
Intanto che la macchina andava, cacciai dalla borsa i miei appunti di diritto. Li sfogliai rapidamente mentre il tassista accese la radio.
“Allora… questo lo so… questo anche… questo speriamo che non me lo chieda…”
Presi il cellulare e guardai l’orologio.
“Cavolo! Dai dai dai!” e mentre incitavo mentalmente l’autista focalizzai l’attenzione sulla radio.
Violente proteste in Grecia per la grave crisi che la sta colpendo. Numerose le persone davanti al parlamento che inneggiano alle dimissioni del governo. Il premier Papandreu però, opta per il rimpasto dei ministri, affidando a….
A quelle parole mi s’illuminarono gli occhi. “La Grecia… l’euro… crisi… ma certo!”
Aprii il programma di borsa sul mio cellulare. Mentre caricava pensai a ciò che stavo per fare… vendere!

Vendere in borsa, non ha sempre lo stesso significato che gli diamo noi comuni mortali. Il termine ci porta al concetto che “vendo una cosa che ho, a qualcuno” ma se quella cosa non l’avessi e la vendessi comunque? In borsa si chiama short selling. Ovvero, vendi ciò che non hai. L’unica regola è… che prima o poi devi comprare ciò che hai venduto sperando di comprarlo a un prezzo più basso e guadagnare sulla differenza.
Esempio: vendo a 100… il prezzo scende a 30 e compro = 70.

“Vendere vendere vendere!”
Puntai il massimo. Tutto quello che avevo… fino all’ultimo centesimo. Prima di premere invio pesai che una mossa contraria mi avrebbe polverizzato il capitale. Chiusi gli occhi… e schiacciai.
– Eccoci qua… – disse il tassista fermando la macchina. – Sono 14 euro e 30 –
Controllai il tassametro e aprii il portafoglio. Dissi addio ai miei tanto amati 15 euro.
– Tenga il resto… – dissi e scesi frettolosamente.
Entrai nell’atrio e corsi verso la bacheca per sapere in che aula dovevo andare.
“Aula 9”
Mi ci fiondai e spiai dai vetri prima di entrare. C’erano un centinaio di studenti disposti a caso nei banchi. La commissione non c’era ancora. “Bene!”
Entrai e mi sedetti. Tirai fuori i miei appunti. Volevo ripetere qualcosa ma non ci riuscivo. Chiusi il blocco e cacciai la mia Burn. Iniziai a bere.
Entrò la commissione dalla porta sulla destra. I professori sembravano allegri a giudicare dal loro parlottio cordiale. Si sedettero dietro le cattedre ed ognuno cominciò a chiamare il suo gruppo di studenti.
Accanto a me sedeva una ragazza. Era molto nervosa e continuava a ripetere e ripetere. Era rossa in viso e si sfregava le mani. Era ansiosa e vederla metteva ansia anche a me. Guardai la mia professoressa che esaminava un ragazzo. Non sembrava “cattiva” ma le sue domande a volte potevano esserlo. Il ragazzo tentennava. Biascicava definizioni a volte campate per aria. La professoressa sorrideva e riferiva all’assistente a fianco le minchiate che stava sparando il ragazzo. Non riuscivo a sentire bene, ma l’argomento era la magistratura. Infine la professoressa lo congedò restituendogli il libretto in bianco. Fu la volta di una ragazza. Questa andò un po’ meglio e il suo esame durò una ventina di minuti. Bevvi l’ultimo goccio della mia Burn. Vidi un ragazzo avvicinarsi alla cattedra. Era il suo turno. Aveva un volto quasi terrorizzato come se la professoressa fosse stata una delle peggiori torturatrici uscite da un film di Tarantino. Matricole… Presi il cellulare e guardai l’orologio era quasi un ora che aspettavo. Aprii il software di borsa ma non feci in tempo ad osservarlo che sentii pronunciare il mio nome. Alzai la testa e risposi:
– Eccomi! – Misi il cellulare in vibrazione e avanzai verso la cattedra.
– Vada dalla mia assistente… la esaminerà lei… – mi disse la professoressa.
Mi sedetti di fronte a questa mora di mezz’età.
– Allora? Cominciamo? – dissi. Volevo togliermi di mezzo questo impiccio.
– Certo! Mi parli della Costituzione… –
“Fantastico” pensai. Della Costituzione sapevo ogni cosa. Merito dello studio… ma anche dei miliardi di telegiornali e dibattiti politici che fui “costretto” a vedere per colpa del monopolio televisivo di mio padre quando ero piccolo.
– La Costituzione italiana fu approvata dall’Assemblea Costituente il 22 dicembre1947 e promulgata dal capo provvisorio dello Stato, Enrico De Nicola. Entrò in vigore dal primo gennaio del ’48 e… –
Parlavo speditamente. Ma a un certo punto sentii la mia tasca vibrare. Qualcosa in borsa era successo. Avevo piazzato gli alerts e uno di questi mi stava avvertendo.
– Chi è che può cambiare una legge della Costituzione? –
– Il parlamento attraverso un procedimento aggravato di revisione costituzionale… –
Mi vibrò ancora la tasca. Pensai agli alerts che avevo piazzato e a che livello fossero.
– Perché aggravato? –
– Perché è necessaria una doppia votazione da entrambe le camere a distanza non inferiore a tre mesi… –
“Ma certo! Avevo piazzato gli alert solo per avvertirmi dei guadagni! All’eventuale perdita non c’avevo nemmeno pensato!
– Ecco, ora mi dica di cosa parla l’articolo 140 della Costituzione. –
Sorrisi a quella domanda. Quella professoressa mi piaceva.
– Mi spiace prof… ma la mia Costituzione si fermava al 139… se il 140 l’hanno approvato stamattina, prima che venissi qui… beh.. non sono aggiornato! –
La professoressa sorrise perché avevo scoperto la sua domanda trabocchetto. Prese il mio libretto, scrisse il voto e mi mandò via.

Uscii fuori con il cellulare in mano. Digitai la password per entrare nel programma. Guardai il mio portafoglio virtuale e mi trattenni dall’urlare dalla felicità.
– Si cazzo! Il mio istinto aveva ragione! –
Chiusi tutte le posizioni e trasferii i soldi sul mio conto di risparmio. Chiusi il programma e mi sentii sollevato. Composi un numero di telefono.
– Pronto Enzo… –
– We Ciro! Che fine hai fatto? Sono secoli che non ti fai sentire! –
– Eh, lo so… è che in questi giorni ho avuto un po’ da fare… ma lasciamo perdere… pensiamo a cose importanti invece…
dove andiamo in vacanza? –

 

Soldi… e il resto, è solo conversazione (parte V)

Soldi%2521Il%2520resto..

Tick Tack..

L’orario si avvicinava. Non riuscivo a guardare l’orologio. Presi un antistress e iniziai a passeggiare nervosamente per la stanza. In testa avevo mille ragionamenti, seguiti da mille ripensamenti e mille schiaffi mentali sulle mie insicurezze. Non si deve mai perdere la fiducia! Cambiare idea in borsa spesso non è sintomo d’intelligenza. Perché quella decisione che hai preso è frutto di mille riflessioni, studi e sacrifici. Quindi, solo altri mille studi, riflessioni e sacrifici possono mettere in crisi quella decisione. Cambiare idea con uno schiocco di dita, spinto magari da paura e incertezza, è sbagliato. “Un Trader domina i suoi sentimenti!” c’era scritto i uno dei tanti libri che avevo letto.

Biiiiip Biiiiip Biiiiip

Partiti. Ore 14 e 30. Uscirono i dati sull’occupazione. Negativi! Il cuore a mille… le quotazioni iniziarono a schizzare all’impazzata. Afferrai una lattina e la finii. La tenni in mano vicino alla bocca a mo’ di microfono di un telecronista calcistico.
– Fischio d’inizio… e la partita è aperta! Il Dollaro perde terreno mentre l’euro segna goal a raffica. L’oro salta in vantaggio guadagnando terreno come una Ferrari in un campionato di minimoto. Il petrolio segue a ruota ma non sembra molto motivato oggi, la mamma gli ha negato la merendina. L’S&P invece ha imboccato un’unica direzione, il profondo abisso, oggi immersione tra i coralli. Sembra voler sfondare lo schermo tanto che va giù! Il resto del fronte valutario sventola bandiera bianca e si arrende alla imprescindibile forza di gravità. Giù, giù e ancora giù! Tutto giù!! La parola di oggi è Giù… seguita da porcaputtana! –
La mia telecronaca improvvisata continuò per almeno un paio di ore. I miei occhi si stavano asciugando. Erano incollati allo schermo per non perdere il minimo movimento. Il mio cervello sembrava impazzito. Ragionavo, calcolavo, prevedevo. Mi mordevo le mano per non agire impulsivamente. Le cose si stavano mettendo male.
– La calcolatrice… dove cazzo è quella maledetta calcolatrice! – Dissi nervosamente buttando all’aria lattine vuote e cartacce appallottolate. Le mie tempie pulsavano all’inverosimile… la testa sembrava scoppiarmi. Volevo urlare e prendere a pugni qualcuno. Stringevo l’antistress fino a quasi romperlo. Stavo perdendo la sfida. Cercavo i miei errori e non trovandoli mi arrabbiavo ancora di più.
Poi improvvisamente il mercato si girò come una mandria di gazzelle che incontra sulla strada una tigre. Iniziò a correre nell’altro senso, dirigendosi in pratica verso i miei guadagni. Respiravo. Il mercato mi stava dando una boccata (economica) d’ossigeno. Mi stavo aggrappando alla speranza. La speranza che quel movimento incerto di prima fosse dettato dall’enfasi della notizia. Accade spesso che i trader o le grandi banche speculino in modo aggressivo in momenti come questo. Ma tutto deve tornare per forza alla normalità. Un po’ come quando si butta un sasso in un fiume.
“Sarà così?” mi chiedevo mentre, in piedi, guardavo lo schermo. In finanza c’è sempre qualcuno che vince e qualcuno che perde. Nessuno può sottrarsi a questa inesorabile ruota. Ed io da che parte stavo? Vincitori o perdenti? Che fine avrebbero fatto i miei soldi? Mi diedi un pugno in testa perché mi stavo facendo troppe domande inutili. C’era il mercato da seguire. Non dovevo perdere il minimo movimento.
Mi sedetti e restai incollato a guardare quelle quotazioni salire e scendere… salire e scendere.
Vuotai un’altra lattina e non contento ne vuotai ancora un’altra. Il mio corpo era un fascio di nervi in tensione. Aspettavo la mossa giusta. Aspettavo come un pescatore paziente che aspetta il suo galleggiante andar giù… però con la carica di un pugile all’ultima ripresa.
I minuti si sommavano generando ore. Il tempo lì fuori cedeva all’oscurità…
Avevo perso la cognizione del tempo. Chissà da quanto ero incollato a guardare quel monitor. Ero ipnotizzato. Fissavo da ore una linea che saliva e scendeva. I miei occhi non ne potevano più… il mio cervello chissà dov’era andato a finire. Ero in trance… letteralmente in trance. Immobile. Con una miriade di grafici lampeggianti che ormai non avevano più nome. Non m’importava più come si chiamassero. Volevo solo che l’andamento imboccasse la direzione giusta oltrepassando quella maledetta linea verde che segnava la mia posizione. Mi alzai in piedi e bevvi un’altra lattina…
La guardai… qualcosa non andava… i miei muscoli tremarono e sentii la terra cedermi sotto i piedi…
Il mio corpo non ne voleva più sapere di me… si stava ribellando. La testa mi girava. Barcollavo per la stanza come in una delle mie migliori sbornie. Ma non ero ubriaco. Mi appoggiai alla libreria. Qualche libro cadde a terra. Non ci stavo più. Il mio equilibrio era fottuto. Picchiai con un ginocchio contro il tavolino e un bicchiere pieno d’acqua rovinò a terra frantumandosi in mille pezzi… Mi avvicinai al letto e ci crollai su…

Svenni…

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: