Frammenti di vita #75

Salire in sella..

e vagare tra le strade della città…

tra i palazzi… le luci… il fumo… il freddo…

è l’unica cosa che mi fa sentire veramente vivo…

Aprire il gas e sentirti scalciare come la peggiore puttana…

Piegarti nelle curve e far stridere le ruote appena scatta il verde…

Farti saltare in avanti e poi fermarti…

Comando io lo sai…

Sei mia…

Corsi e Ricorsi Storici (II)

Corsi e ricorsi storici 2

(Foto personale)

Inizio:

“12 minuti, bene!”
Ero disteso sul piumone bordeaux che fasciava il letto da testa a coda. Un cuscino rosso mi teneva la testa leggermente inclinata per osservare meglio il libretto di Sudoku. Con una matita dalla grana pesante incasellavo numeri cercando di non sbagliare. Un orologio sul comodino teneva il tempo dell’esercizio. Era da un po’ di tempo che non m’appagava più la semplice risoluzione, la sfida del momento era finire nel minor tempo possibile.
Incasellare numeri in croci e quadri in rapida successione, per quanto posso essere difficile comprenderlo, risultava rilassante per le mie meningi. Sgombravo, per qualche minuto, la mente dallo stressante e ansioso studio dell’economia. La matita scorreva veloce. Alternava numeri grossi e sicuri, come se fossero fieri di occupare una casella di proprietà; a numeri piccoli e incerti, spesso in coppia, che litigavano ardentemente per il proprio posto. Avevo quasi ultimato il mio Sudoku. Diedi un’occhiata all’orologio. “10minuti, posso farcela”
Ma proprio mentre stavo per incastrare il penultimo numero, il cellulare vibrò, avvertendomi della presenza di un messaggio. La curiosità crebbe. Feci di tutto per riportare la mia concentrazione sul libretto ma i miei occhi scattavano a destra e sinistra percorrendo l’orologio, il cellulare per poi ritornare al Sudoku.
“Chi era?”
“11 minuti”
“Devo finire!”
“8 o 9?”
“E se è importante?”
“12 minuti!”
“il 7 c’è già!”
“13 minuti!”
“Cavolo! Non ce l’ho fatta!”

Mi alzai rapidamente dal letto e raggiunsi il tavolo in legno chiaro dove il mio cellulare era appoggiato. Mentre componevo il pin dello sblocco, sperai vivamente che non fosse il solito messaggio pubblicitario della palestra che m’invitava ad iscrivermi per non toppare la prossima prova costume. In caso affermativo avrei di certo spento il telefono per sempre! (Detto da uno che ha un principio di attacco di panico al solo riavvio)
Fortunatamente, non era la palestra ma un incomprensibile messaggio di un altrettanto incomprensibile amica.
Annalisa:
Ciro! Stasera aperitivo da Lia! Ore 9!
Porta qualcosa! Ciao!
Gironzolai per la stanza con aria dubbiosa. Era tipico di Anna uscirsene con questi messaggi improvvisi. Erano come palloncini pieni d’acqua che si schiantavano contro il muro della mia mente iperprogrammmatica. Mi sedetti sul letto a riflettere.
“Sono le 8, l’aperitivo è alle 9. Dovrei farmi una doccia, vestirmi, inventarmi qualcosa da portare e andare a… dove? Dove caspita abita Lia?”
Trafugai come una casalinga isterica ogni cassetto della mia memoria alla ricerca di quel benedetto indirizzo. Riuscii a trovare solo una via e una fermata della metro 1. Non potevo affidarmi a un vago ricordo, così composi il numero di Annalisa per chiederle le informazioni che mi servivano.
Purtroppo, il secondo difetto di quell’eccentrica ragazza, (secondo solo in questa trattazione) era l’ossessiva fobia di diventare cellulare-dipendente, quindi, onde evitar ciò, abbandonava spesso il telefono in posti remoti della casa, dimenticandosene del tutto.
Dopo circa venti chiamate a vuoto, decisi di desistere. Non avrebbe risposo… o almeno non in tempo. Optai per la doccia. Mi vestii e afferrai una bottiglia di Baileys, conservata in ripostiglio per le grandi occasioni. Nel tragitto dal portone di casa al portone d’ingresso del palazzo, provai a chiamare ancora Annalisa, senza però riuscire a sentire la sua voce nasale.

Con la metropolitana arrivai a una fermata della metro rossa che ricordavo esser quella più vicina alla casa di Lia. Mi guardai intorno cercando di ricordare che forma avesse il palazzo della mia amica. Non ne ricavai niente, quando a un tratto, scorsi tra i passanti il volto noto dell’ex coinquilina di Annalisa. Eleonora. Mi avvicinai a lei che subito mi sorrise riconoscendomi.

– Ciao Ele! Non dirmi che ti ha invitato quella sciagurata di Annalisa?! –
– Proprio così! –
– E dimmi… a te l’ha detto dov’è questa festa? –
– Bo… il palazzo dovrebbe essere questo. –
– Mmm… bene! –

continua…

Frammenti di vita #1

Frammenti di vita 01

Milano 13 Luglio 2013 Ciro Ciro e Rosanna Serata al Siocafé

Una piccola lancia Y era sparata a folle velocità dal piede pesante di mio cugino Ciro. In quella folle notte gli facevo da navigatore, cercando di decifrare nel cerchio sfocato visivo, le strade da seguire sul piccolo schermo del mio cellulare. Dietro era seduta una ragazza che ci aveva prestato la macchina che le aveva “prestato” il suo ragazzo assente.
–  Stai andando bene! Vai diritto. – dissi, e Ciro spinse ancora di più sull’acceleratore.
Ma, guardando meglio il navigatore, vidi che la freccetta blu aveva abbandonato la strada da seguire per perdersi nei meandri di strade milanesi sconosciute.
Avvicinai il mio volto al guidatore e, per evitare brusche manovre vista la folle velocità, gli dissi con molta calma: – Ciro, appena puoi, fai una grandissima inversione a U –
Non capì, così gli picchiettai la spalla. Lui si girò distogliendo lo sguardo dalla strada.
–  Dobbiamo andare di là! – gli dissi, indicando il lunotto posteriore. – Ah! – rispose e, prontamente, adocchiò una piccola traversa sulla destra.
– Giriamo là! – affermò.
–  E’ un maledetto divieto Cì! – risposi.
–  Ce lo facciamo in retromarcia! – disse frenando e ingranando la retro.
– Se ci fermano, gli diciamo che stavamo cercando parcheggio… –
–  Se ci fermano, Cì, un senso vietato sarà l’ultimo dei nostri problemi! –
Con molta fortuna, il culo della nostra epsilon raggiunse la fine della traversa e sbucò su un viale. Ciro mi chiese: – Ora dove si va? –
Mi guardai intorno disorientato. – Allora?! – m’incalzò.
– Non lo so Cì! Siamo sbucati in retromarcia su un cavolo di viale a doppio senso! Oltretutto siamo ubriachi! Punta il culo di là e andiamo dall’altra parte! Sperando di imboccare almeno il nostro senso di marcia! –

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: