Uno strano scivolo… (Livigno 2010 parte V)

Livigno%252C%2520lo%2520strano%2520scivolo

Appena varcata la soglia del Miky’s pub, sembrava quasi d’entrare in un altro mondo. Fuori tutto tranquillo e regolare. Il silenzio regnava ed era rotto solo dal rumore dei nostri passi. Dentro invece si sentiva la musica, le persone che parlavano, il tintinnio di bicchieri e bottiglie. Sembrava proprio di aver oltrepassato lo stargate ed essere entrati in una nuova dimensione.

All’ingresso c’era una giovane ragazza addetta al guardaroba, cosa che non avevo mai visto in un pub old style. Mi bloccai…

– E questo a che cazzo serve?! –

Poco di fianco alla ragazza c’era uno scivolo in legno che portava al piano di sotto, da dove proveniva la musica. Rimasi per un po’ ad osservarlo fantasticando sulle mille cose che avrei potuto farci. Di fianco al bizzarro scivolo c’erano le scale. Le scendemmo e venimmo inondati da musica dance ad alto volume. Guardai tutta la sala e pensai che finalmente avevano inventato ciò che volevo: una discoteca… in un pub.

Perché sì… entrambi i locali hanno i loro pregi ma anche i loro piccoli difetti.

In discoteca, se entri… devi per forza ballare. Non c’è mai un fottuto posto dove sedersi e godersi il proprio drink. Drink che deve essere per forza un cocktail, perché se prendi una birra ti guardano storto e pensano che tu sia un ubriacone. Nonostante ciò, mi piace ballare… sentire la musica dance o house che ti pompa nelle orecchie solleticandoti la mente e dandoti piccole scariche di adrenalina.

Nel pub, invece… ti siedi con davanti la tua bella birra doppio malto e gli amici intorno. Scheggi un po’ il tavolo col coltellino, racconti un po’ di stronzate a chi vuol sentire. Ma la musica che c’è non è mai quella giusta… o non sempre. Una volta sono entrato in un pub dove la canzone migliore era di Laura Pausini. Il pub che prendo sempre come riferimento è lo Sloppy’s Joe di Dante. E’ uno dei migliori, a mio avviso. Forse solo perché ci ho passato i migliori anni della mia vita. Ed anche lui ha la pecca di tutti i pub. La musica e soprattutto, sono almeno 5 anni che sui suoi schermi gira ancora a ripetizione senza voce quel cavolo di film di Sin City e non c’è bisogno di dirvi che lo conosco a memoria.

 

Il Miky’s pub, quindi… era un po’ tutt’e due. Sulla destra c’era il lungo bancone in legno dove il barista serviva i cocktails. Quasi in fondo alla sala c’era una postazione deejay rialzata con annesso ragazzo con cuffia e capelli strani. Sulla sinistra invece c’erano i tavolini, di quelli alti con gli sgabelli sempre in legno. Qui un po’ tutto era in legno… e io amo il legno. Al centro del locale c’era uno spazio non molto grande, dove la gente ballava.

Ci sedemmo in fondo. Enzo, Ciro, Luca ed io.

Tutti intorno allo stesso tavolo, a guardare la sala piena di gente.

– Non è male questo posto… –

– Già… ordiniamo qualcosa… –

– Una bella bottiglia di vino bianco… e quattro bicchieri… – proposi io.

– Chi inizia? …Ok ok… ho capito… vado io… – dissi.

 

Andai al bancone. Feci segno al barista di venire da me.

– Che vini bianchi hai? – Gli urlai.

Lui ne elencò alcuni, ma io non capii niente a causa della musica troppo alta e gli dissi:

– Fai tu! –

Poco dopo tornai al tavolo con la bottiglia stappata e quattro bicchieri a calice alto.

Poco dopo ancora… la bottiglia era vuota.

 

– Guarda quelle tre sedute lì…-

Mi voltai nella direzione indicata da Ciro e vidi tre ragazze sedute a un tavolino. Una mora, una castana e una bionda. Mancava la rossa e il quadro era completo… pensai sorridendo.

– Vanno a vino anche loro… – disse Luca, osservando i loro bicchieri.

– Quella con i capelli corti è la più bella… –

– Naa… meglio quella con gli shorts… –

– Perché la bionda la vogliamo buttare via? –

– Perché non vai da loro e chiedi se vogliono sedersi qua con noi? La prossima bottiglia la offro io… –

– Tu comincia a offrire… al resto ci penso io… – risposi

 

Naturalmente, essendo quello più vicino al bancone in linea d’aria, dovetti alzarmi io. Il barista mi vide e gli chiesi di stapparmi una nuova bottiglia. Lui al volo la prese, stappò con classe e me la diede.

Dopo mezzanotte la musica cambiò. Si fece più aggressiva e ballabile. Guardavo la sala un po’ annebbiato dall’alcol. I ragazzi erano andati nella sala fumatori e rimasi solo a fare la guardia alla bottiglia vuota di vino bianco.

A un certo punto il deejay cambiò canzone. Una di quelle belle che mi piacciono molto… ma che adesso… proprio non ricordo.

Questa devo proprio ballarla, pensai

E mi buttai in pista tra la gente che si dimenava al ritmo di musica. Iniziai a muovermi cercando di ballare decentemente in quello spazio ridotto. Intorno a me c’erano ragazzi e ragazze di ogni tipo. Dai volti  si riconoscevano tedeschi… polacchi… svizzeri. C’erano anche le tre ragazze sedute a quel tavolo. Ballavano vicino a me. E ogni tanto mi adocchiavano. Mentre ballavo, mi voltai in direzione del mio tavolo. Vidi i miei tre amici tutti li seduti che mi osservavano. Sentivo i loro occhi addosso e sapevo già cosa stavano dicendo su di me.

So cosa ci vuole.. pensai.

Mi appoggiai al bancone con un gomito. Il barista mi vide e iniziò già a prendere una bottiglia di vino. Praticamente non gli dissi niente. Lui già sapeva.

– Thanks… – gli risposi e tornai al tavolo.

 

Purtroppo quella bottiglia fu l’inizio della fine. Un attimo dopo averla vuotata, il mio cervello praticamente galleggiava nell’alcol. E subito dopo, una scena incontrollabile si prestava agli occhi di tutti i presenti nella sala. Io su una specie di palchetto che facevo volteggiare la mia maglietta al ritmo di musica. Il barista corse da me e cercò di farmi scendere, urlandomi di rimettere la maglietta. Per fortuna non si incazzò.

Tornai al tavolo e mi detti una calmata.

Vidi Enzo e Luca che parlottavano con una ragazza inglese.  Quest’ultima sorrideva mentre mi guardava. Enzo le aveva detto qualcosa. Lei mi disse – Ok, ok… – e mi fece un gesto di approvazione con la mano. Non capii niente. Ero un po’ stanco, ma l’alcol mi teneva sveglio. Entrai nel gruppetto che si era formato con l’inglese. Cercavo di biascicare qualche parola che lei, con mio stupore, comprese. Enzo era quello che se la cavava meglio. Forse anche perché era più sobrio di me. Dopo un po’ mi limitai a osservare, cercando di calmare un po’ i battiti del mio cuore. Avevo un bicchiere vuoto in mano e ci giocavo.

Dopotutto, questa serata non è andata poi così male, pensai mentre guardavo

lo strano scivolo dall’altra parte della sala… 

 

Little red ball (II) (Marina di Camerota ’09)

Little%2520red%2520ball%25202%2520bianco

 

Appena il sole tramontava, le luci del villaggio si accendevano man mano. Era uno spettacolo vedere tutti i vialettini illuminati. Si creava un’atmosfera confortevole.. a tratti romantica. Tutto curato e perfetto. Il verde.. gli alberi.. gli ulivi.. le siepi.. gli oleandri.. le aiuole.. l’erbetta.. Così perfetto da sembrare casuale.. e così casuale da rendere il tutto affascinante..
Mi avvicinavo al ristorante con mio fratello. Parlavamo del più e del meno. Scuola, ragazze e videogiochi si alternavano nelle nostre parole a ritmi cadenzati. Più gli parlavo e più vedevo in lui una mia fotocopia spiccicata. Più gli parlavo e più capivo quanto fosse brutto vederlo crescere a “tratti”. Purtroppo la mia vita fuori casa questo mi permetteva… e le vacanze erano l’unico periodo in cui potevo stare un po’ di più con la mia famiglia. Per questo ne approfittavo per sapere come se la passava il mio fratellino.
Arrivammo al tavolo. Mio fratello piombò subito al bancone del buffet senza nemmeno aspettare che gli altri componenti della famiglia arrivassero. “Egoista ed egocentrico” pensai.. “proprio come il fratello.. e guai a chi gli tocca le sue patatine!”.
Mentre osservavo mio fratello che si riempiva il piatto di contorni, si avvicinò al tavolo la cameriera. Curata e impeccabile come tutte le sere.
– Buonasera… –
– Buonasera –
– Grazie per… –
– Shhhhhh!!… – la interruppi e mi voltai indietro per vedere quanto erano distanti i miei genitori. E dopo essermi assicurato che mio padre non fosse a portata di orecchio, le dissi: – Tranquilla… solo… teniamo questa cosa tra di noi… – e le sorrisi… forse aveva inteso o forse no. Ma speravo che non avrebbe creato casini.
– Allora porto l’acqua? –
-Sisi… e anche un quarto di vino bianco per mio padre. –
– Ok –
– Grazie Elena. –
E proprio quando la cameriera se ne andò, arrivarono al tavolo i miei genitori e l’altro mio fratello. Subito mio padre, che forse aveva osservato tutta la scena da lontano, mi chiese: – Che voleva la cameriera? –
– Solite cose papà… mi chiedeva le bevande che doveva portare… –
– Hai ordinato il vino? –
– Certo papà! –
Mi girai per vedere quante persone erano al buffet e qualcosa mi tirava nella tasca. Era la mia pallina rossa che avevo dimenticato di posare in camera. Ed era qui con me che mi faceva compagnia. “Quante ne ha passate in questi giorni… e dire che non ricordo nemmeno il nome di quel ragazzino!”

Quel pomeriggio
Mi tuffai a capofitto in quel tubo blu. Andavo lento. L’acqua cercava di spingermi. Piano piano stavo acquistando velocità. “Chissà dove sarà quel marmocchio” pensai mentre venivo sballottato nelle curve di quella specie di giostra. Era divertente… dovevo ammetterlo. Sorridevo cercando di andare sempre più veloce allungando le braccia in avanti. Dovevo raggiungerlo. E proprio nell’ultima curva intravidi la figura del ragazzino. Si voltò e mi vide.
 
Splashhhhhhhhhh
 
Finimmo entrambi in acqua. Aprii gli occhi e vidi davanti a me la mia pallina rossa galleggiare a pelo d’acqua. Cercai di afferrarla al volo ma una piccola mano fu più lesta della mia. Prese la palla e scomparse prima ancora che capissi da che parte venisse. Mi pulii gli occhi e guardai in direzione della scaletta… e in quell’instante quel ragazzo stava salendo le scale per uscire. Mi avvicinai a nuoto il più velocemente possibile. Cercai di afferragli un piede mentre era sul bordo.
– Vieni qua! Dove scappi! –
Scappò via mentre ero intento a risalire. Tutto gocciolante gli corsi dietro. Vi lascio solo immaginare cosa significava correre con i piedi bagnati. Era impossibile e soprattutto pericoloso, maggiormente se ti tagliava la strada un bambino! Quasi scivolavo cercando di evitarlo. Oltretutto la mia corsa dava fastidio a non poche persone perché schizzavo acqua come un cane dopo un bagno… e le persone sulle sdraio in prima fila avevano una faccia molto scazzata.
L’inseguimento proseguiva. L’area della piscina era quasi finita e il ragazzo puntò al vialetto che portava fuori. Sulla mia strada però s’intromise Jack. Mi si piazzò davanti e non accennò a togliersi.
– Dai Jack fammi passare! Devo inseguire quel bastardello! –
– No no! – Jack era uno degli animatori del villaggio. Il suo compito era far divertire i ragazzi… e soprattutto organizzare i tornei sportivi. Immaginavo che mi avesse fermato proprio per quello.
– Ok, Ok… non scappo… cosa vuoi? –
– Oggi alle 6 torneo di Pallavolo… ti segno! –
-No daii… non c’ho voglia… fammi passare! –
– Tu non passi se non vieni al torneo! –
– D’accordo! D’accordo! Lasciami ora! –
E mi lasciò andare. Purtroppo dovetti sottostare alla sua specie di ricatto. Ma non ci pensavo. Cercavo di riprendere la mia pallina. E dove s’era ficcato quel ragazzo? Dove dovevo andare a ripescarlo? Quel dannato animatore me l’aveva fatto perdere di vista… e con lui anche la mia pallina. Mi guardavo intorno. Cercavo d’ipotizzare i possibili posti.
“il campetto” pensai. “sicuramente è lì”. E infatti lo trovai lì. Non mi aveva ancora visto. Era vicino alla rete che recintava il campetto e guardava i ragazzi che giocavano. Gli andai piano piano dietro, senza far rumore.
– Preso! –
Si girò e mi guardo un po’ intimorito.
– Forza! Dammi la mia pallina! – Il ragazzino mi porse lentamente la mano e appoggiò la pallina nella mia. La presi e lo guardai male.
– Non lo fare mai più! – Il ragazzino sorrise non credendo alla mia serietà e si girò continuando a guardare la partita di calcetto. Tornai alla piscina… sperando che sulla mia sdraio non avessero toccato niente.
Mi sdraiai…
Feci un gran bel respiro profondo…
e sorrisi…
 
  ..ripensando a tutto quello che era inaspettatamente accaduto poco prima.

 
 
 

 

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: