La sala fumatori (Livigno 2010 parte III)

Livigno%252C%2520la%2520sala%2520fumatori

 

Ero fermo a questa fermata del bus di questa sconosciuta cittadina montana. Il freddo cominciava davvero a sentirsi. Dopotutto, ero a quasi 2000 metri d’altezza. Mi abbottonai meglio il giubbotto e presi dalla tasca il mio cellulare.

Prima che potessi chiamare, mi chiamò Luca.

– We Ciro! Sei arrivato o no? –

– Certo che sono arrivato! Venite a prendermi! –

– Ok… dicci dove sei! –

– Non lo so… –

– Daiii, dimmi cosa vedi intorno a te… –

– Beh… una strada… neve… altra neve… –

– Non fare lo scemo! Dimmi il nome di una via… di un bar… di qualcosa… –

– Non so, Luca… qua non vedo nessun nome… ah ecco, sono di fronte al negozio di Ralph Lauren… –

 

Dopo un po’ un furgoncino grigio sbucò da una strada laterale. Alla guida notai mio padre, a fianco mia madre e mio zio. Finalmente mi ricongiungevo con il gruppo dopo questo viaggio in solitaria. Il furgoncino si fermò. Luca mi aprì il grande portellone laterale. Salii velocemente a bordo mentre tutti mi salutavano. I miei fratelli mi fecero spazio dietro. Mia madre si girò per vedermi.

– Che hai fatto? – esclamò vedendo il mio aspetto.

– Niente, mamma… mi sono tagliato i capelli con la macchinetta. –

– Ma guarda questo. – disse, rassegnata.

Mio padre cercava, con qualche sforzo, di manovrare quel gigante trabiccolo, imprecando quando non entrava qualche marcia.

 Luca ed Enzo si voltarono verso di me.

– Tutto a posto Ci? –

– Sì sì… alla grande… –

– Ehhh, beato te… noi ci siamo fatti una notte insonne su ‘sto coso. –

All’appello mancava mio cugino Ciro. Mi girai intorno. Allungai il collo per vedere nei posti davanti e lo vidi tutto aggrovigliato tra coperte e cuscini che cercava di riposare. Doveva esser stato duro, questo viaggio di 10 ore.

Dopo poco arrivammo a “casa”. I ragazzi si sgranchirono le gambe mentre mio padre apriva il portellone posteriore per prendere i bagagli. A mano a mano salimmo tutte le valigie su in camera.

La casa era carina. Aveva un lungo corridoio centrale con ai due estremi una cucina e un bagno. Nel mezzo c’erano le porte che davano alle varie camere da letto.

Entrai nella prima camera e dissi:

– Mia! –

Ciro mi guardò ed entrò anche lui. Gli altri si sistemarono nelle camere restanti. Non mi dispiaceva dividere la stanza con mio cugino. Luca ed Enzo li conoscevo bene ormai. Abbiamo fatto tante di quelle cazzate insieme che ormai potremmo definirci anche fratelli. Invece Ciro, pur essendo mio cugino carnale e non “derivato” come Enzo e Luca, lo conoscevo ben poco. Lui aveva un’altra compagnia di amici e rare volte ci eravamo incrociati in quel di Montesarchio. Quando eravamo piccoli e mio nonno era ancora in vita ci vedevamo più spesso. La domenica sera si cenava tutti a casa mia. Il vecchio nonno Ciro era sempre a capotavola. Era grazie a lui che io e Ciro portavamo lo stesso nome.

– Ciro… tu dove ti vuoi mettere? –

– È uguale. Ma che sono ‘ste coperte? –

– Boh… dove sono le lenzuola?.. –

– Che mostro! Sono piumoni foderati. Praticamente non servono le lenzuola. Qua stanno proprio avanti… –

 

Ciro andò di là a divulgare l’eclatante scoperta che aveva fatto. Rimasi solo nella camera, tra le valigie sparse distrattamente. Mi avvicinai alla finestra. Il freddo vetro si appannava sotto i colpi del mio respiro. Fuori il paesaggio era incantevole. Sembrava finto. Come se fosse stampato su una di quelle cartoline da 30 centesimi. Sembrava così irreale… così magico. Non volevo lasciare tutto ciò. Ero appena arrivato e già pensavo a quando me ne sarei andato. Era come se la mia mente avesse già vissuto tutto. Come se avesse già visto quella soffice neve. E in un attimo ero già avanti… come se la valigia chiusa sul pavimento indicasse una partenza e non un arrivo. Lo so… dovevo ancora vivere quella vacanza e già pensavo alla sua fine. Solo perché… non avrei mai voluto andar via di lì…

Dannata malinconia…

 

Dalla porta irruppero Ciro, Luca ed Enzo ciarlando di qualche cazzata incomprensibile.

Ciro si buttò sul letto e infilò la testa sotto il cuscino dalla stanchezza. Luca mi scostò dalla finestra e la aprì. Tirò fuori dalla tasca il pacchetto di Camel Light.

– Ce la fumiamo? –

 

E da li in poi…

… la mia stanza diventò la sala fumatori dell’appartamento livignese.

 

 

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: