Pensieri random #28

13445587_1741720366103174_7844077941360617459_n.png

Mi succede praticamente sempre!

Galleria d’Arte ##9

ho%2520sbagliato%2520tante%2520volte

Nasci solo… e solo andrai… (Solitaryman)

Solitaryman%2520Snake788

Vedere ciò che sarà di te in un film ti scombussola dentro. Ti apre in due e ti rivolta all’esterno, mostrando i tuoi punti vitali a chicchessia. Di solito nei film ho sempre visto il passato. Ho confrontato alcune scene di magnifici film con molte mie esperienze e loro spesso davano la soluzione ai miei casini. La soluzione a un qualcosa che era già passato. Quindi niente di utilizzabile, se non per generare qualche indelebile rimorso. Così sono fatti i film…
Sono storie a cui leghi il tuo passato… e il resto è solo pellicola e un gran baccano.
E questo che credevo… fino ad ora…

SolitaryMan

Un affascinante Michael Douglas all’alba dei suoi sessant’anni si gode la vita come se fosse un ventenne. Forse anche di più di un normale ventenne. A volte i ventenni si sanno fermare… bloccati dall’insicurezza… dalla paura… e dalle conseguenze. Codardi incoscienti, per fortuna. Se solo sapessero come giostrare bene e male a loro piacimento… questo mondo sarebbe già finito. Meglio lasciare la follia come vizio per i più vecchi, che hanno gli anni più contati dei nostri. E gli anni passano anche per Ben… le foglie cadono e gli inverni si susseguono. Il tempo non è eterno.
Noi non siamo eterni. Dobbiamo sottostare a queste assurde leggi del mondo.
Prima o poi… moriremo anche noi…
Me per primo…
Perché questo è il mio tormento.
Sapere che c’è una fine…
Sapere che non può durare qualsiasi cosa faccia.
Sapere che i miei anni sono contati e che il tempo scorre anche quando dormo.
Questo mi uccide…
A volte guardo il cielo, lo fisso per un istante, per imprimere l’immagine nei miei occhi. Poi li chiudo… assimilo tutto… fantastico… penso… mi convinco che niente può cambiare… che qualcosa può essere eterno.
Riapro gli occhi, Vedo che la posizione delle nuvole è cambiata e le mie speranze si distruggono.
E quando raccolgo i pezzi di un’illusione, mi sale la rabbia dentro. Cresce pian piano e vorrebbe fare a botte con il mondo.
È lì che sbaglio…
È lì che commetto il primo fatidico errore… che non fa altro che aprire il vaso di Pandora dell’autodistruzione…
E sbaglio… sbaglio… sbaglio…
Senza pensarci… senza valutare i pro e i contro… solo per il gusto di farlo. Solo perché la vita DEVE essere vissuta. E la mia vita la metto davanti a tutto… e a tutti…
Sempre! Gioco con le persone, creando illusioni diaboliche.
Ma il gioco continuerà per qualche anno. Poi cominceranno a cadere piano piano, una dopo l’altra, le persone a te care.
La tua ragazza… che si stancherà delle mille bugie. I tuoi amici… a cui hai detto troppi no infondati… ed infine la tua famiglia… che non sopporterà l’immagine maligna che hai costruito di te.
Perderai tutti…
Anche quelli più fidati. Quelli su cui conti. Quelli che dovrebbero tirarti fuori dalla merda quando ci sei dentro fino al collo.
Ferirai anche loro. In modo violento e inaspettato… quasi fossero estranei.
E sarai solo…
E finirai in una stanza… in una città lontana… a fissare il soffitto, sperando che ti crolli addosso. Morirai… Morirai dentro… lentamente… sempre di più. Affogherai nel tuo stesso respiro quando chiederai aiuto a persone che non ti ascoltano più… Lo sai già che è così…

Le mie palpebre erano immobili di fronte allo scorrere di quelle scene. E continuavo a ripetere “non farlo”, quando Ben si trovava di fronte a una “scelta”. Speravo che non scegliesse la strada più ovvia, ma sapevo già che non mi avrebbe ascoltato.
É più facile commettere un errore che comportarsi decentemente. E in questo mondo di “facilità” gli errori ci sguazzano come pesci in un acquario.
E non a caso il film si chiude con una scelta irrisolta, spaccando in quel momento con un’accetta la mia testa…
Potrei ricaderci? Di nuovo? Non lo so… ma so che una lezione questo film me l’ha insegnata…
Comunque vadano le cose…
Sbaglierò… e sarò sempre da solo…

– Lui è intelligente…
È dolce… divertente…
Un milione di altre cose che tu non sei… –
– Una volta lo ero anche io… ma non dura… –


Cuore (I)

pallinarossa3

Percorrevo il lungo corridoio dell’ospedale. I vari reparti mi scorrevano ai lati. Rianimazione… terapia intensiva… pronto soccorso. Il rumore dei passi rimbombava sulle pareti.  A volte incontravo statue di santi e madonne attorniate da miriadi di fiori. Qualche vecchietta malata si fermava lì per dire qualche parola a quel pezzo di marmo colorato dalle sembianze umane. Dura cosa la fede. Sperodi non averne mai bisogno. Per ora la lascio agli altri. Per ora… mi affido a me stesso.

Mi fermai… ero arrivato.. il reparto era quello giusto… la porta era chiusa.. aspettai. L’infermiera m’informò che c’era un paziente all’interno e mi chiese di aspettare. Passeggiai per il corridoio per ingannare il tempo. Appesi alle pareti c’erano i disegni dei bambini. Il tema dominante sembrava lo stesso… una spiaggia… il mare… gente che si divertiva e rideva. I disegni dei bambini a volte sono fantastici. Dal modo in cui disegnano le cose o le persone si può capire cosa desiderino in realtà. Appeso c’era il disegno di una bambina di tre anni di nome Chiara. Aveva disegnato un cuore con un pastello rosso. E nella sua imperfezione e semplicità risultava bellissimo. All’interno di quel cuore, grossomodo, si notava la figura di una donna. Magari era la mamma di quella splendida bambina. Sperai solo che non si trovasse lì per qualcosa di grave.

“Umanizzazione dell’ospedale” veniva chiamata quella forma d’arte. Ossia dare un volto più gradevole a quel luogo di sofferenza… e sperai che quei dipinti alle pareti allevieassero anche le mie di sofferenze.

Tum.. tum..

Tum.. tum..

Il cuore riprese a farsi sentire. Riprese a martellarmi il petto come a dire “sono qui e non puoi fermarmi”. Mi rassegnai… alzai gli occhi e rilessi il nome del reparto.

Cardiologia

 

 

..Ricordi in random..

 

Avete mai fatto degli errori nella vita? Dico davvero. Alzi la mano chi non ha mai fatto una cazzata nella vita. E non sto parlando di piccole stronzate da ragazzi tipo in motorino senza casco… o  fumare droghe leggere. Parlo di qualcosa di più… qualcosa di grosso. Qualcosa che ti rimane sulla coscienza a vita e mai se ne andrà. E a peggiorare le cose ci si mette anche quel cavolo di “senno di poi” a dire ininterrottamente: “poteva andare in un altro modo, le cose in fondo non erano poi così male”. Perché cambiarle Ciro? Perché? E non starmi lì a dire le solite stronzate. Le solite scuse che rifili agli amici. O per meglio dire i tuoi genitori. Io sono qui… sono più vicino di quanto credi. Io sono il tuo cuore… che ora si ribella e non vuole più starti a sentire. Il tuo cuore purtroppo sa tutto. La mente può a volte dimenticare… essere ingannata… offuscata da qualcosa di non sempre legale. E alla fine creare la felicità apparente, quella che ti piace tanto. Una bella pennellata di bianco su un muro marcio da anni. Non serve a niente. Dopo pochi giorni la muffa e il marciume tornano alla vista. E le vie sono due: o continuare a rimbiancare… o abbattere definitivamente quel muro. La metafora magari non è delle migliori ma il senso si è capito.

La frase “puoi mentire a te stesso ma non puoi mentire al tuo cuore” mi aveva sempre fatto sorridere. Non ci credevo tanto. Perché logicamente le parole, i fatti e le azioni passano dalla bocca, dai muscoli, dagli occhi alla mente. E qui formano i ricordi. Questi coltelli dalla punta affilata che il più delle volte possono far male. E mi sta anche bene stare male per un ricordo “pesante”. Ma quando succede il processo inverso come si spiega? Cioè… se si sta male prima ancora di sapere la causa che genera il dolore? Se il cuore ti inizia a pompare all’impazzata senza un reale motivo iniziale… Se il petto ti fa male a tal punto da darti pugni per la rabbia immotivata… Se non riesci a dormire… ed inizi pensare. E lì parte la vaga ricerca del “motivo”. Del mio perché. E sbaglio… sbaglio… sbaglio. Ogni volta. Ogni santa volta. Perché la mente ricade negli errori. Negli sbagli che ho commesso in passato. E il dolore peggiora. Si fa più acuto… come se ora conoscesse il mio punto debole. Dannato cuore.

 

– Si può vivere senza? –

Il dottore mi fa un sorriso e mi fa entrare.

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: