E’ solo una questione di soldi… (parte II)

%25C3%25A8%2520solo%2520una%2520questione%2520di%2520soldi%2520%2528parteII%2529

“Ricordati! Solo un giorno…”

La mia coscienza continuava a ripetermi quella frase. Quando avrebbe smesso, era un’incognita. Tutto era pronto ormai. Mancava solo che il mio dito cliccasse il tasto giusto e che un po’ di fortuna entrasse da quella porta a farmi compagnia. Mi sedetti sulla poltroncina e guardai lo schermo. Si comincia.

Cercai tra i programmi il software per fare trading online. Non l’avevo ancora disinstallato. Era riuscito a superare indenne la crisi di astinenza da gioco che mi aveva colpito. L’avevo combattuta con successo e mi ero creato vari modo per non pensarci. Modi per distrarmi dal correre rischi inutili. Da quel rischio continuo che rappresenta il mercato finanziario. Mi ero disintossicato, come si fa per la peggiore delle droghe. Avevo iniziato a giocare appena finito il liceo. Avevo iniziato a studiare, leggere, capire… ad appassionarmi a quel mondo misterioso fatto di prezzi, nomi, codici, percentuali e soprattutto, soldi. Già… è sempre stata una questione di soldi. Il vile ma indispensabile denaro.

Aprii la piattaforma di gioco. Comparvero tutte le piccole finestrelle dei grafici e dei prezzi che avevo impostato circa un anno fa. Sorrisi nel vedere i vecchi studi. Le linee tracciate, a suo tempo, sugli andamenti dei titoli, o le annotazione scritte nelle finestre dei grafici. Erano una sorta di malinconici ricordi del passato. Come foto e canzoni, quelle linee, avevano i loro perché. Cancellai tutto. Muoviti! Disse perentoria la mia coscienza. Non stiam qui a perdere tempo… il tempo è denaro! Ricordi quel film? Il film che ti ha fatto sognare… e ti fa sognare il solo pensiero… e lo so che lo stai pensando… perché lo pensi ogni volta che senti la parola “azione” o “mercato”… e lo so, perché non scordarti, che io sono te!
“Già… aveva (o avevo) ragione. Dovevo muovermi!”
La prima cosa da fare, era impostare una strategia di gioco. Molti si concentrano solo su uno strumento finanziario; altri usano solo l’analisti tecnica (studio dei grafici); altri invece usano unicamente l’analisi fondamentale (analisi di notizie e dati). Io per non scontentare nessuno, faccio un misto di ogni cosa. È difficile da comprendere, ma le materie sono molto diverse. È un po’ come un dottore che sa fare anche l’avvocato e che ogni tanto, va in bicicletta. Nell’analisi tecnica sono concentrate matematica e statistica; nell’analisi fondamentale è assolutamente necessario conoscere le nozioni di base dell’economia, sapere tutti i termini e il relativo impatto sul mercato, quando vengono pronunciati dal TG.
“A proposito di notizie”
Aprii sull’altro schermo il canale ClassCNBC in streaming. Una donna corvina iniziò a commentare l’apertura in calo di Wall Street. Sentivo la sua voce mentre dall’altro lato sistemavo finestre e indicatori. Intanto pensavo ad una strategia da adottare. La vecchia strategia di giocare su valute incrociate non era molto proficua. Era come scommettere su un cavallo in una corsa a due. Se il tuo cavallo perde, non buttare via la schedina ma scommetti su quello che sta vincendo, così le vincite appianeranno le perdite. Ma non sempre filava tutto liscio. Questa volta volevo optare per una strategia che veniva usata spesso sul mercato azionario. “Il portafoglio”. Ora tutti starete pensando a quell’oggetto di pelle che contiene soldi. Ma digitalizziamo il vocabolo e al posto dei soldi mettiamoci dentro “pezzi di carta” con nomi difficili. In pratica, un contenitore di titoli variegato. La strategia del portafoglio, detta con la rozzezza di un contadino, è che comprando un sacco di patate, qualcuna dovrà pur esser buona no? Ovvero, qualche titolo dovrà pur andare bene no? Beh… non è così semplice come le patate… La scelta di cosa comprare può richiedere anche ore. Erano le 3 del pomeriggio quando mi ero seduto su quella sedia, ora, il 17 lampeggiava da un po’ sullo schermo. La piattaforma era pronta. La lista degli strumenti disponibili a portata di mano. Dovevo solo scegliere. Cominciamo!
Definiamo prima il termine di giocatore di borsa. Anche un vecchio che, con i risparmi di una vita, compra un considerevole pacchetto di azioni tenendole in cassetto, è, tecnicamente, un giocatore di borsa. Però io non sono quello. Io faccio parte della schiera di speculatori che comprano e vendono all’istante. In mano solo soldi! Niente pezzi di carta con scritto Azioni! “A lungo termine saremo tutti morti!” diceva un grande economista. Quindi… vendere appena si può e battere cassa.
Il problema però è cosa comprare. Chiedendo alla gente comune spesso ti fai di quelle risate… “Compra le Apple che l’Iphone ormai ce l’hanno tutti” oppure: “guarda le google come salgono! Secondo me bisogna comprare”
Ecco… uno degli errori più frequenti è comprare quando le cose salgono di prezzo sperando che salgano ancora. È un errore banalissimo e comunissimo! Ma scusate… quando dal pescivendolo il pesce sale di prezzo, voi lo continuate a comprare? O aspettate che scende e lo comprate? Un concetto banale… peccato che non l’osservi nessuno. Devo ammettere però, che anche io sono caduto frequentemente in questo errore. Si chiama febbre del gioco. Vorrei vedere voi davanti a delle quotazioni che schizzano alle stelle cosa pensereste. “Cavolo! Perché non ho comprato! Compro adesso!” E pfiuuuuuuuu giù nell’abisso! Fuori dai giochi! Ritenta sarai più fortunato!
Traendo spunto dagli innumerevoli errori che ho commesso in passato, avevo stilato una serie di regole da seguire. E ironicamente la prima regola era: Non giocare!
Quindi la prima regola era bella che andata. Quale sarà stata la prossima?
Mi facevano un po’ male gli occhi. La donna mora continuava a dire che in quel giorno le borse avevano perso tutte. Per chi ha capito l’esempio di prima, era una bene. Continuavo ad analizzare cosa scegliere per il mio portafoglio. Avevo riempito una pagina con appunti di vario genere. Andavano dal “No! Questo no!” al “Ma ti sei ammattito?” oppure “Te lo scordi che ti compro”, tutti riferiti a vari prodotti finanziari.
Ecco… ci siamo.
La mia lista era completa, o quasi. Comprendeva innanzitutto le due star del secolo: l’oro e il petrolio. Poi si andava in America con l’S&P 500 (l’indice della borsa americana), il FTSE 100 (Borsa di Londra), un po’ di Dax che non guastava mai (non il detersivo ma il Future sulla Borsa Tedesca) e per finire qualche cambio valutario per rendere lo scontro più equilibrato. Primo fra tutti il Dollaro, re incontrastato di tutti i rapporti finanziari internazionali. Ovviamente sto parlando di Dollaro contro Euro. Poi si passa alla Sterlina, la vecchia moneta mai abbandonata da quei bevitori di Tè. Infine lo Yen per non scontentare gli amici orientali. “Un gran bel portafoglio” pensai soddisfatto. Guardai l’orologio… era quasi mezzanotte.
Guardai per un ultima volta i grafici e impostai gli “alerts”.

Gli alerts, per chi fortunatamente non ne ha mai avuto bisogno, sono delle odiosissime sveglie che scattano quando il titolo raggiunge un prezzo preimpostato da te. Insomma ti avvertono se stai vincendo o perdendo. Avevo ancora impresso nella testa quell’odioso suono. Lasciai quindi il computer acceso e sperai che quella notte nulla avrebbe disturbato il mio sonno…

Ma chi conosce le regole della finanza, sa che…

The Money… Never Sleeps!

3 thoughts on “E’ solo una questione di soldi… (parte II)

  1. Ciao 🙂
    Ti ho trovato sui commenti di Elisa (semplicementelisa), sono una sua amica.
    Mi ha detto che anche tu, come me, hai una passione per Liga e non potevo non scuriosare nel tuo blog 😉
    Scrivi veramente bene… è un piacere leggerti… e grazie per avermi fatto capire qualcosa di più sulla borsa 🙂
    Ho aperto da poco il mio nuovo blog… passa a trovarmi se ti va…
    Un abbraccio…

  2. e allora la sbanchiamo sta borsaaaaaaaaaaaaaaaa……che ci andiamo a fare un viaggio possibilmente di solo andata oltre oceano ahahahahaha….dai scherzo….sei molto pacato e lineare quando scrivi rinnovo il mio piacere di leggerti…ma mi raccomando vacci piano pensa a studiare che è meglio….un abbraccione caro snake!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: